Norme Comportamento Poker Room

NORME COMPORTAMENTALI RELATIVE ALLA POKER ROOM

Articolo 1) Efficacia e controlli

1.1 Le presenti norme comportamentali costituiscono parte integrante delle condizioni d'uso contenute nel sito e quindi del Contratto di attivazione del conto gioco stipulato tra Gamenet ("SOCIETA'") ed i singoli utenti.

1.2 Gli organi della SOCIETA' preposti al controllo del rispetto delle norme comportamentali e alla repressione dei comportamenti da esse vietati sono il Customer Service e il Collusion Manager.

1.3 La SOCIETA' si riserva di trasmettere all'Autorità giudiziaria informazioni su qualsiasi comportamento fraudolento o, comunque, vietato dalle presenti norme comportamentali e perseguibile a norma di legge.

Articolo 2) Regole comportamentali

a) Netiquette

2.1 Tutti i giocatori sono tenuti a mantenere un comportamento "sportivo".

2.2 È fatto tassativo divieto ai giocatori, nel corso delle operazioni di gioco, di conferire tra di loro, con qualsiasi mezzo (mail, telefono, fax, ecc.), direttamente o indirettamente, fatta eccezione per l'utilizzo della chat relativa al torneo, nei limiti qui previsti.

2.3 Non è consentito e pertanto integra comportamento "scorretto": molestare o disturbare altri giocatori in qualsiasi modo e con qualsiasi strumento, anche tramite la ripetizione dello stesso messaggio, nonchè utilizzare un linguaggio volgare od offensivo.
È proibito rivelare a chiunque le carte private, incluse quelle scartate, e qualsiasi altra informazione sul torneo in corso. Non è consentito esprimere valutazioni o commenti sul gioco in corso e/o sulle carte in possesso dei giocatori. Questa regola non viene applicata unicamente quando in un torneo rimangono solo due giocatori e nei tornei head-up.

2.4 Il comportamento scorretto posto in essere utilizzando la chat è vietato ed integra la cd. "Chat offensiva".

2.5 Non è consentito, e può integrare comportamento illecito ai sensi del d. lgs. n. 196 del 2003: fare riferimento a dati personali dei giocatori oppure a perdite sofferte dai giocatori o divulgare gli strumenti per reperire le suddette informazioni..

2.6 Il giocatore che si avvede che, nel corso del gioco, sono state commessi illeciti o anche solo irregolarità o scorrettezze può darne immediata notizia alla SOCIETA'.

2.7 È vietato agli utenti di utilizzare la chat per promuovere iniziative e/o attività proprie o di terzi, inclusi i siti, i prodotti od i servizi di concorrenti della SOCIETA'.

b) Utilizzazione di più account

2.8 L'account è legato al conto gioco, è univoco e personale e può essere utilizzato solo dal titolare del conto gioco, il quale è tenuto a fornire, al momento della registrazione, dati personali veritieri e corretti. È vietato usare più account contemporaneamente dallo stesso computer. È responsabilità dell'intestatario dell'account impedire che altre persone utilizzino l'account stesso. È severamente vietato fare uso contemporaneamente, particolarmente per partecipare al medesimo torneo, di una pluralità di account, propri e/o di terzi, nell'ambito dei giochi offerti dalla SOCIETA' e/o da altri concessionari aderenti al medesimo network di gioco (telegaming).

2.9 Il "nickname" scelto dall'utente, dovrà essere conforme alle regole del buon gusto e del buon costume, non dovrà contenere riferimenti a dati personali o a segni distintivi, siti o servizi di terzi, nè esporre contenuti a carattere pornografico, osceno, blasfemo o diffamatorio o che possano recare offesa o danno, anche indiretto, a persone o enti.

c) Sanzioni

2.10 La violazione delle norme comportamentali di cui al presente articolo 2) darà luogo ai seguenti provvedimenti e sanzioni, che potranno essere adottati in via temporanea o definitiva.

2.11 Le sanzioni applicabili ai giocatori, che abbiano contravvenuto alle disposizioni di questo articolo 2) sono, a discrezione di Gamenet, a seconda della gravità della violazione e/o del momento in cui questa viene accertata, i) la sospensione dalla chat, ii) la sospensione dell'accesso all'ambiente di gioco, iii) l'espulsione dal torneo e l'esclusione dall'assegnazione delle vincite, iv) l'inibizione alla partecipazione alle promozioni (compreso classifiche, gdp o altro), e v) la risoluzione del contratto di conto gioco.

2.12 Al giocatore verrà contestata la violazione attraverso un messaggio di posta elettronica.

Articolo 3) Norme anti-frode e anti-collusione

a) Sistemi anti-frode, anti-collusione e software proibiti

3.1 La SOCIETA' dispone di avanzati sistemi di monitoraggio volti ad individuare ed a contrastare le frodi nonché le collusioni tra più giocatori partecipanti al medesimo torneo.

3.2 L'utente, con la sottoscrizione del Contratto di conto di gioco, riconosce come adeguati i sistemi di accertamento di frode e di collusione, anche esclusivamente basati su indici statistici e fondati su dati e prassi di comune esperienza ed applicazione nel settore.

3.3 È proibito usare qualsiasi strumento al fine di condividere le carte private e qualsiasi altra informazione sul torneo in corso con altri giocatori. È vietato utilizzare programmi che giocano senza intervento umano ("bot") o che riducono il coinvolgimento umano nel gioco stesso. È altresí proibito utilizzare qualunque software che interagisca con il client di gioco a meno che non sia stato preventivamente autorizzato dalla SOCIETA'.

b) Repressione delle frodi

3.4 È severamente vietato adottare comportamenti fraudolenti.

3.5 Si ha comportamento fraudolento quando un soggetto inganna o raggira gli altri partecipanti al gioco, al fine di trarre profitto per sé od altri o al solo fine di ledere indebitamente gli interessi altrui.

3.6 Integra comportamento fraudolento anche l'utilizzazione del gioco per fini di riciclaggio.

c) Repressione della collusione

3.7 È severamente vietata la collusione, che si realizza in tutti i casi in cui due o più giocatori cooperano al fine di alterare l'esito che il gioco avrebbe avuto sulla base delle ordinarie regole statistiche e dell'abilità dei partecipanti.

3.8 Si realizza, a titolo non esaustivo, collusione nei seguenti casi:

a) Chip dumping: si realizza la fattispecie quando due o più giocatori si aiutano a vicenda a rimanere in gioco, facendo in modo che chi ha più chips le trasferisca a chi ne ha meno, ad esempio con l'accettazione da parte di chi ha più chips della puntata di chi ne ha meno, pur disponendo di un punto certamente battuto;
b) Softplay: si realizza la fattispecie quando uno o più giocatori rinunciano a giocare contro un altro giocatore in situazioni nelle quali tale comportamento è irragionevole secondo le normali prassi di gioco, tenuto conto del punto posseduto e del rapporto tra le chips da aggiungere al piatto per "vedere" e quelle già presenti nel piatto stesso, in particolare quando un giocatore ha un punto imbattibile, è l'ultimo ad agire e ciononostante rinuncia a giocare;
c) Best hand play: si realizza la fattispecie quando tra due o più giocatori gioca sempre e solo quello che ha la migliore tra le loro mani, mentre l'altro o gli altri abbandonano il gioco;
d) Chat collusiva: si realizza la fattispecie allorché la collusione è operata nella chat attraverso lo scambio di informazioni rilevanti ai fini dello svolgimento del gioco fra due o più giocatori.

d) Sospensione cautelare

3.9 Nel caso in cui venga segnalato da uno dei giocatori o venga rilevato dalla SOCIETA' un comportamento fraudolento o collusivo, la SOCIETA' provvederà:
a) in primo luogo ed in via precauzionale, a sospendere la partecipazione al torneo del giocatore coinvolto, se ancora in corso;
b) a sospendere e bloccare il conto di gioco, non consentendo la riscossione delle somme versate o vinte, fino al momento del definitivo accertamento in merito alla presunta irregolarità.

e) Segnalazione di comportamento scorretto

3.10 Il/i giocatore/i che adotta/adottano un comportamento collusivo o fraudolento sarà/saranno informato/i dell'avvenuta sospensione del suo/loro conto gioco e dell'apertura di una procedura di infrazione nei loro confronti, attraverso un messaggio di posta elettronica.

3.11 Il/I giocatore/i oggetto della procedura di infrazione avrà/avranno un termine non inferiore a dieci giorni per presentare le proprie osservazioni alla SOCIETA'.

f) Sanzioni

3.12 Fermi i provvedimenti cautelari di cui al comma 3.9, le sanzioni applicabili ai giocatori, che abbiano contravvenuto alle disposizioni di questo articolo 3) sono le stesse previste per la violazione dell'art. 2), che potranno essere adottate in via temporanea o definitiva.

3.13 In tutti gli altri casi di comportamento collusivo e/o fraudolento, di cui al presente articolo 3), fermi restando i provvedimenti adottati in via cautelare, il comportamento fraudolento e/o collusivo integra una fattispecie di "grave inadempimento" degli obblighi del Contratto di conto gioco, di cui le presenti norme comportamentali costituiscono parte integrante, e l'accertamento del medesimo comporta, pertanto, la risoluzione automatica del Contratto (art. 1456 c.c.), con conseguente obbligo per il giocatore responsabile dell'inadempimento di risarcire il danno (ai sensi dell'art. 1218 c.c.).

3.14 Alla risoluzione consegue altresì per il/i giocatore/i scorretto/i l'obbligo di corrispondere alla SOCIETA' una penale (ai sensi dell'art. 1382 c.c.). L'ammontare della penale dovuta è pari alle vincite indebitamente incassate e/o alle somme indebitamente percepite per effetto del comportamento scorretto, salvo in ogni caso il diritto della SOCIETA' di agire in giudizio per l'eventuale maggior danno.

3.15 La SOCIETA' si riserva il diritto di compensare, ai sensi dell'art. 1252 c. c., il credito derivante dalla suddetta penale con il proprio debito derivante dal saldo del conto gioco intestato al/ai giocatore/i scorretto/i.

3.16 Qualora il saldo del conto gioco non presenti liquidità sufficiente, la SOCIETA' si riserva di agire in giudizio nei confronti del/dei giocatore/i scorretto/i per ottenere il pagamento delle somme dovute.

g) Somme indebitamente percepite

3.17 A seguito dell'accertata collusione/frode, la SOCIETA' si riserva di riesaminare tutti i tornei ai quali hanno preso parte i giocatori responsabili della medesima, per accertare l'eventuale ripetizione della collusione/frode di cui al presente articolo 3) e, qualora almeno uno dei giocatori collusi o responsabili di frode sia andato a premio in tali tornei la SOCIETA', con riferimento a ciascun torneo, si riserva di applicare il procedimento di ridefinizione dei premi, di cui al successivo comma 3.18.

3.18 Qualora almeno uno dei giocatori collusi o responsabili di frode sia andato a premio, la SOCIETA' si riserva di ridefinire la classifica escludendo i giocatori collusi/fraudolenti e, in tal caso, si riserva di accreditare sul conto gioco di ciascun giocatore direttamente danneggiato dalla collusione/frode (ossia che ha conseguito un piazzamento in classifica peggiore di quello/i di uno o più dei giocatori collusi/fraudolenti) una somma pari alla differenza tra il premio cui avrebbe avuto diritto e quanto già eventualmente percepito.